Vinaora Nivo Slider Vinaora Nivo Slider Vinaora Nivo Slider Vinaora Nivo Slider Vinaora Nivo Slider

Fotovoltaico ed agricoltura: l'Agenzia delle Entrate chiarisce la tassazione

Con la risoluzione 86/E (fonte www.qualenergia.it) del 15 ottobre 2015, l'Agenzia delle Entrate ha specificato come sarà calcolato il reddito derivante dalla produzione e della cessione di energia fotovoltaica. Perché tale reddito sia valido, è necessario che il criterio di connessione all'attività agricola sia rispettato, e che la produzione/cessazione superi il limite di 260.000 kW/h per il 2014-2015. In tal caso, il reddito sarà calcolato applicando il coefficiente di redditività al 25% sull’ammontare dei corrispettivi delle operazioni soggette a registrazione IVA.

I requisiti minimi per l'adesione rimangono quelli descritti nella circolare 32/E 2009, dove le Entrate specificano i limiti da rispettare e le modalità di connessione all'attività agricola e di produzione di energia fotovoltaica. Si potrà così aderire alla tassazione forfettaria prevista dall'articolo 22 del DL 66/2014. Tale articolo indica anche come si attiva l'automatismo inerente la tassazione forfettaria, soprattutto per quanto concerne la parte prodotta dai primi 200 kW di potenza nominale installata.

Superato il limite di 200 kW, e con la contemporanea assenza degli altri limiti previsti dalla suddetta circolare 32/E, l'energia in eccesso, fino a 200kW, sarò considerata come reddito d'impresa. 

Si è infine precisato l'applicazione di una disciplina transitoria sui due anni precedenti, ovvero 2014 e 2015. Tale applicazione andrà circoscritta alla sola produzione e cessione oltre il limite previsto di 260.000 kW/h annui, sempre nel rispetto dei criteri della circolare 32/E. Entro il limite, verranno applicate le normali regole di determinazione di reddito d'impresa.

Per tanto l'Agenzia delle Entrate rende noto che entro i 260.000 kW/h all'anno, la produzione verrà considerata attività connessa all'attività agricola e quindi intesa come produttiva del reddito agrario.

  • Per ogni punto percentuale in più di elettricità da rinnovabili il suo prezzo diminuisce di 2 €/MWh (Terna)