Vinaora Nivo Slider Vinaora Nivo Slider Vinaora Nivo Slider Vinaora Nivo Slider Vinaora Nivo Slider

GSE: Diramate le istruzioni sullo smaltimento dei pannelli fotovoltaici.

Come bisogna agire quando il nostro pannello fotovoltaico ha ormai fatto il suo corso? Ce lo dice il GSE. Il Gestore ha infatti pubblicato le "Istruzioni operative per la gestione e lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici incentivati", documento redatto ai sensi dell’art. 40 del D.Lgs. 49/2014. Nel testo sono riportate le modalità con cui vanno smaltiti i pannelli ormai inutilizzabili, e le istruzioni sono rivolte al produttore iniziale ed al proprietario finale. Lo stesso Gestore, infatti, a partire dall'undicesimo anno di incentivazione, trattiene dalla tariffa erogata una quota fissa, il cui scopo è quello di finanziare la gestione dei RAEE (Rifiuti di Attrezzature Elettriche ed Elettroniche) inerenti quel preciso impianto.

Sulla base di ciò, la normativa redatta prevede che i Soggetti Responsabili di impianti fotovoltaici domestici si avvalgano del servizio pubblico e gratuito offerto dai Centri di Raccolta, in modo da poter ottemperare ai loro doveri in merito. Per quanto concerne invece gli impianti caratterizzati da pannelli fotovoltaici professionali (vale a dire impianti la cui potenza nominale supera i 10 KW), i Soggetti Responsabili dovranno rivolgersi agli operatori specifici indicati nella stessa normativa. Ecco infatti un estratto del testo: “In ultima istanza, lo stesso potrà richiedere al GSE la completa gestione delle operazioni di raccolta, trasporto, trattamento adeguato, recupero e smaltimento “ambientalmente compatibile” dei rifiuti prodotti dai pannelli fotovoltaici incentivati”.

Qualora si trattasse di RAEE fotovoltaico soggetto ad operazioni di trattamento avvenute fuori dal territorio nazionale, l'operazione sopra citata potrà comunque essere effettuata, a patto che la spedizione del rifiuto stesso sia conforme al regolamento (CE) n. 1013/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio del 14 giugno 2006 (relativo alle spedizioni di rifiuti) e al regolamento (CE) n. 1418/2007 della Commissione del 29 novembre 2007 (relativo all’esportazione di alcuni rifiuti destinati al recupero, elencati nell’Allegato III o III A al Regolamento CE n. 1013/2006 verso alcuni Paesi cui non si applica la decisione dell’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico – OCSE del controllo dei movimenti transfrontalieri di rifiuti).

Infine, è previsto che a smaltimento svolto, il Soggetto Responsabili invii al Gestore (entro e non oltre sei mesi dalla fine delle operazioni), un'idonea documentazione di certificazione. Solo a questo punto il GSE provvederà a restituire la somma precedente trattenuta a scopo cautelativo.

Qui il testo completo della normativa.

  • Per ogni punto percentuale in più di elettricità da rinnovabili il suo prezzo diminuisce di 2 €/MWh (Terna)