Vinaora Nivo Slider Vinaora Nivo Slider Vinaora Nivo Slider Vinaora Nivo Slider Vinaora Nivo Slider

GSE: Aggiornato il Contatore del Conto Termico al 1° gennaio 2016

Il GSE annuncia di aver aggiornato il contatore inerente il meccanismo incentivante “Conto Termico”, la cui funzione è focalizzata sulla procedura di Accesso Diretto agli incentivi.

Al 1° gennaio 2016, si contano 15.764 ammissioni, ben 830 in più rispetto a novembre, per un totale di quote incentivate pari a 56,4 milioni di euro, di cui 45,6 indirizzati ad opere di privati, 10,8 destinati agli interventi messi in atto da Pubbliche Amministrazioni. 

L'impegno di spesa annua cumulata per il 2016 raggiunge quindi la somma di 23,49 milioni di euro, dei quali 4,20 (dei 200 a disposizione) saranno indirizzati alle Amministrazioni Pubbliche e 19,29 (dei 700 utilizzabili) a soggetti privati. Si comincia anche a calcolare l'impegno di spesa annua per il 2017, che raggiunge già quota 7,73 milioni di euro. Qui la distribuzione è la seguente: 0,60 milioni per le PA, 7,13 per i soggetti privati.

Per quanto riguarda il 2015, l'impegno di spesa annua si è invece attestato su 19,12 milioni di eurodi cui 14,52 milioni di euro per i Soggetti privati e 4,6 milioni di euro per le Amministrazioni pubbliche.

Il Gestore comunica anche i dati principali riguardanti il funzionamento del meccanismo incentivante, emersi confrontando i dati 2015 con quelli pubblicati nella “Relazione sul funzionamento del Conto Termico” (giugno 2013 – dicembre 2014):

  • nel 2015 sono stati attivati più di 7.800 contratti per oltre 31 milioni di euro di incentivi impegnati, a fronte dei complessivi 7.720 contratti attivati al 31/12/2014 per 23,8 milioni di euro;
  • la dimensione media dell’incentivo impegnato per ogni contratto attivato è aumentata, passando da circa 3.100 euro nella fase di avvio (2013-2014) a 4.000 euro nel 2015;
  • -  nel 2015 sono stati realizzati 8.300 interventi (riferiti ai 7.800 contratti attivati), a fronte dei 7.948 interventi complessivamente realizzati al 31/12/2014;
  • -  anche per il 2015 è confermata la forte prevalenza degli interventi 2.B – Generatori a biomasse e 2.C – Solare termico che costituiscono, insieme, circa il 94% degli interventi realizzati.
 


  • Per ogni punto percentuale in più di elettricità da rinnovabili il suo prezzo diminuisce di 2 €/MWh (Terna)